Bamboozled -B29- ***USATO***

€7.00

Solo 1 rimanente

Pierre Delacroix (pseudonimo di Peerless Dothan) è un giovane autore televisivo afro-americano che lavora per la Cns, una rete televisiva che rifiuta puntualmente tutte le sue iniziative atte a proporre programmi intelligenti per un pubblico afroamericano. Il direttore della rete è Dunwitty, un uomo bianco sposato con una donna afroamericana che afferma di essere più nero di Pierre.

Stufo di tutti i rifiuti subiti, Pierre decide di far rinascere il minstrel show, ossia quegli spettacoli in voga nella seconda metà del XIX secolo in cui persone bianche si truccavano il volto di nero, apparendo come caricature razziste. Pierre spera che la trasmissione venga rifiutata, facilitando così il suo licenziamento.

Con sua somma sorpresa, il programma viene accettato, con il titolo Mantan's New Millennium Minstrel Show, quindi Pierre inizia a cercare i protagonisti. Offre così i ruoli a due artisti di strada, Manray e Womack. Quest'ultimo è sorpreso e sconvolto dalla proposta, mentre Manray ne è entusiasta. I due così vengono scritturati per il programma e iniziano le prove, fino alla prima televisiva. Pierre, ancora sconvolto che la sua idea sia stata accettata, si dice sicuro che il programma sarà un flop. Invece la trasmissione si trasforma in un enorme successo e Manray e Womack diventano delle star. Pierre cambia completamente opinione sul suo programma, e inizia a difenderlo definendolo satira. L'unica a non essere ancora d'accordo è Sloan, la sua assistente, che è inorridita dal fatto che Pierre abbia rispolverato un programma razzista.

Lo spettacolo di Pierre sale alla ribalta delle cronache, e arriva anche alle orecchie dei Mau Mau, un gruppo rap composto da sei ragazzi neri e un bianco che si dice nero come loro e si fa chiamare 1/16th Blak. Essi sono infuriati per il contenuto razzista e promettono una dimostrazione violenta.

Intanto il successo dello spettacolo continua e aumenta il protagonismo di Manray. Ciò è notato soprattutto dall'amico Womack, che rinuncia così allo show. Inoltre Manray inizia a frequentare Sloan, e la cosa non garba a Pierre, innamorato di lei. Questi arriva perfino a dire a Manray che Sloan, per ottenere il lavoro, ha fatto sesso con lui.

Sloan inizia a collezionare cimeli, manifesti, film e fotografie dell'epoca dei minstrel, per dimostrare a Pierre quanto fossero razzisti e denigratori verso gli afroamericani questi spettacoli, ma Pierre rifiuta di guardare tutto questo. Manray, stufo della situazione e capito di essere sfruttato, decide di non dipingersi più la faccia di nero. Inizia l'ennesima puntata dello show, ma lui si mostra al pubblico con il suo vero volto. Il pubblico e i dirigenti della rete si rivoltano contro di lui, e Pierre è costretto a licenziarlo.

Uscito dallo studio, Manray viene rapito dai Mau Mau. Portatolo in un posto segreto, il gruppo annuncia un'esecuzione in diretta via internet, su una webcam, per contestare il razzismo del programma. La polizia tenta di rintracciare da dove provenga la trasmissione, ma Manray viene ucciso prima della scoperta del covo. Dopo l'omicidio, i Mau Mau tentano la fuga, ma vengono eliminati dai poliziotti accorsi, tranne 1/16th Blak, che viene soltanto arrestato nonostante continui ad asserire di essere nero come gli altri.

Sconvolta e furiosa, Sloan si reca da un perplesso Pierre, chiedendogli di vedere la videocassetta che ha preparato sui minstrel show. All'ennesimo rifiuto di Pierre, Sloan lo minaccia con una pistola. Ormai esasperata, gli spara e lo ferisce allo stomaco, quindi fugge. Ferito, Pierre finalmente infila la videocassetta nel videoregistratore e guarda il nastro mentre muore.

Il film si conclude con un montaggio di sequenze tratte da reali minstrel e da film che denigrano gli afroamericani.


Categoria dvd